Associazione Bonsai e Suiseki "Perla dello Jonio" Odv

Il Bonsai nell'universo - l'universo nel Bonsai

TIANMEN

In Cina, nei pressi della città di Zhangjiajie ( provincia di Hunan), in cima ad una montagne, fra due rocce si trova una porta a forma di arco, alta 30 m. e profonda 70 m.. I cinesi l’hanno denominata “Porta del Paradiso”, definendola il simbolo più vicino a Dio in terra (Tianmen).

Per arrivarci occorre fare 99 tornanti, salire 999 scalini. Oltre di essa, varcata la sua porta, una passarella di vetro di 60 m. a strapiombo su 1430 m. di vuoto, si trova il cammino della fede, un percorso di straordinaria bellezza indicato specie a chi non soffre di vertigine, apre l’orizzonte ad una vallata spettacolare da un lato, dall’altro le tipiche montagne “a fette” cinesi chiudono un panorama mozzafiato. In alternativa a tutto ciò, una comoda teleferica che toglie l’attesa del piacere, quest’ultima definita la chiave magica per ogni arte, ma in particolar modo per chi va alla ricerca di pietre e in questo spero ognuno, che si sia cimentato a cercare o pulire una pietra, abbia provato tale emozione. La leggenda racconta, che tale porta si formò in seguito ad un crollo della volta di una grotta, che cedendo lasciò intatta la volta fra le due rocce. Era l’anno 263 d.c. Questo non vuole essere solo un noioso racconto, ma un riferimento di empatie ed emozioni tipiche delle pietre d’ammirare. Empatia per cercare di carpire i sentimenti di chi vede od espone una pietra, ed emozioni che scaturiscono dall’interpretazione soggettiva della pietra. In tema di interpretazione soggettiva, ricordando che la pietra è parte della natura e che i giudizi umani essendo tali sono fallibili, quando essa non ci comunica nulla in una esposizione, siamo noi a non essere capaci di interpretarla. Ma iniziamo la storia di questa pietra. Un giorno d’autunno (anno 2018), un caro amico mi scrisse per chiedermi un mio parere su questa pietra (vedi foto 1). Non una persona qualunque, ma uno dei suisekisti che hanno fatto parte della storia italiana del suiseki, parlo del Sig. Abate, per gli amici Mimmo. Ero già abbastanza felice che Mimmo mi volesse far vedere questa pietra, ma quando la vidi in foto (vedi in basso) rimasi folgorato. Era lei, la Porta del Paradiso. Il dubbio di Mimmo, affascinato dalla forma, dalla tessitura, dall’assenza di rotture recenti, era quella di darle un’interpretazione.

In merito alla patina, chiesi come mai un palombino avesse tale livello di bellezza già appena raccolto. Mimmo mi spiegò, che dove trova questo materiale, la montagna sottopone grazie ai forti venti una sorta di sabbiatura le pietre che sono fuori dal terreno. Cercai di spiegare la mia d’interpretazione, ma ci volle veramente poco che facesse sua l’idea. Ora bisognava proseguire ed occorreva darle un daiza alla sua altezza. Esso doveva avere uno stile innovativo, non classico del suiseki, ma allo stesso tempo i suoi movimenti dovevano essere eleganti e leggeri, in armonia con le linee perimetrali della pietra. Doveva apparire un tutt’uno, ma ripeto doveva essere innovativo. L’idea di mettere al centro la scala era la novità (vedi foto in basso). Studiando centinaia di esposizioni orientali ed in particolar modo giapponesi, non trovai nulla per poter affermare tale concetto, ma restava in me l’assioma degli studi di keido in arte bonsai, sull’indispensabile esigenza di comunicazione nell’esposizione. La scala ha questo obiettivo, comunicare l’ambito interpretativo.


E’ fuori le logiche dell’arte che tentiamo di esprimere? Non saprei, so che rinforza idealmente il progetto, accompagnando lo sguardo dell’osservatore verso il passaggio. E’ la chiave interpretativa che farà discutere. Inoltre e grazie a qualcuna, ho imparato che un piede centrale e per di più sotto un punto di debolezza non si mette ( nei rientri di una curvatura o insenatura e nemmeno sotto una cascata), ma in questo caso oltre allo scopo interpretativo, c’è anche quello che esso aiuta la tridimensionalità dell’esposizione/progetto. L’intero progetto è stato prima condiviso da Mimmo e poi letteralmente tradotto, sia in termini di sensazioni prima che d’immagini dopo, con infiniti ritocchi sapientemente dosati in diverse settimane di lavoro del daiza (vedi foto in basso).

Un inno all’amicizia, a ciò è valso questo progetto. L’ amicizia, quel sentimento profondo che provi per qualcuno/a dal quale non vorresti mai distaccarti. E quando succede che rivedendolo dopo tanto tempo provi la sensazione di non esserti mai allontanato. Questo è l’infinito, questo è il paradiso. Ora questa pietra mi appartiene, mi è stata ceduta da Mimmo. Ha voluto che fossi io a raccontare questa storia. Lo ringrazio per questo bellissimo progetto che ha voluto condividere. Al contempo, ringrazio Luciana Queirolo, la quale mi accompagna in quest’arte, istruendomi ed allargando i miei orizzonti non riducendoli mai a stereotipi, da tanti professati e poi sistematicamente disattesi in nome del commercio. Con Lei condivido: figure, montagne, colline e paesaggi senza limiti, andando oltre il finito, rendendoci sognatori persi.

Nel taoismo, ogni montagna che si erge verso il cielo è la più grande espressione di conversione di energia in materia. Qui nella foto in basso un’esposizione in tokonoma, stile Gyo, per gentile concessione di Fragomena Cosimo della Scuola bonsai Med di Catanzaro .

Esposizione in tokonoma a cura di Aldo Marchese con kakejiku che rimanda alla contemplazione. Essa è stata esposta a Roma nel 2019 al convegno AIAS; durante la manifestazione sono stati espressi alcuni rilievi discussi da esperti suisekisti al daiza e che sono stati corretti al mio rientro in Calabria, atti a migliorarne la stabilità della stessa.